torna su
creato da chiaroweb

Syros, al centro delle isole Cicladi

Torna alla pagina precedente

L’isola di Syros si colloca al centro delle Cicladi, ha spiagge piccole e strette, ville e residenze neoclassiche, grandi palazzi pubblici e giardini, il suo passato è glorioso e viene visitata da un turismo selezionato, quasi tutto greco.
Il capoluogo Ermoùpoli è stato il porto più grande della Grecia, prima che il suo destino fosse cambiato, alla fine dell’800, dall’apertura del canale di Corinto e dal conseguente sviluppo del porto del Pireo. Rimane un importante centro per il traffico marittimo delle isole ed è capitale dell’intero arcipelago. Ermoùpoli è stata una città prospera, con officine tessili, concerie, industrie per la lavorazione del ferro battuto, arrivando ad avere una borghesia ricca e influente. Furono costruiti edifici pubblici in stile classicheggiante, grazie alla collaborazione anche di architetti stranieri, le case nobili furono ornate di balconi in ferro battuto e si eressero ville eleganti abitate da amatori, banchieri, ricchi mercanti. Anche la vita sociale e intellettuale è anche l’ente, con scuole, giornali, circolo letterario.


L’isola è stata a lungo dominio della Serenissima, porto franco durante la dominazione turca e centro di diffusione del cattolicesimo nell’Egeo. Fin dal 1200 difatti veneziani e genovesi che la occupavano introdussero il cattolicesimo e dalla prima metà del 600 arrivarono qui Cappuccini, Gesuiti, Orsoline, Lazzaristi. Gli ordini amministravano la giustizia, gestivano le scuole e gli ospedali. Syrosfu definita la più cattolica dell’arcipelago (ospita quasi la metà dell’intera comunità cattolica greca) ed è tutt’oggi sede vescovile.

La città di Syros e altre escursioni

La città si presenta con una parte alta, con case bianche distese sul pendio, e una parte bassa, risalente al 1800, con attività di tipo amministrativo e commerciale. In alto si vedono due colline divise da una valle, una è la collina di Ano Syros, con il quartiere cattolico che rappresenta il nucleo più antico e caratteristico della città (i monasteri dei Gesuiti e dei Cappuccini in questo quartiere meritano una visita senz’altro), l’altra ospite invece  il quartiere ortodosso di Anastasis.

Attrazione turistica è poi Platia Miaoulis,  una piazza rettangolare lastricata in marmo, piena di caffè all’aperto e decorata da palme. È meta privilegiata per le passeggiate e in estate vi si svolgono concerti. A proposito di musica nella vicina piazza, sorge un teatro con facciata di marmo che è una replica, in formato ridotto, della scala di Milano.

Ermoupolis vale una visita oltre per le architetture e le numerose chiese per i molti negozi di artigianato (sandali in cuoio, acquerelli, stampe)  per le pasticcerie che sfornano i tipici dolcetti, loukumia, una sorta di frittelle con gelatina aromatizzate alla rosa o al bergamotto, ricoperti di zucchero a velo e talvolta pezzi di mandorla sopra e gli chalvadopites (una specie di torrone locale) e per le bancarelle che vendono le spugne naturali.

A Syros troviamo anche l’unico casinò delle Cicladi, aperto in alta stagione dalle 20 alle 6 del mattino. Le slot machine sono aperte anche nel pomeriggio.

Monumenti e musei da vedere

A Ermoupoli: il Museo Archeologico, il palazzo del Comune,  Il Centro Culturale, la Pinacoteca delle Cicladi, il teatro comunale, la Chalandriani (una necropoli) e le Grotte di Ferekidis, entrambi vicino a Ano Syros, la chiesa barocca di San Giorgio.

Le spiagge di Syros

Per raggiungere le più belle dovrete inoltrarvi nell’entro terra , salendo sui monti interni e poi ridiscendere per le diverse stradine alla ricerca di calette che sono gioielli della natura.
La spiaggia di Galissas invece è una grande spiaggia organizzata, a forma di mezzaluna riparata dal vento. La sabbia è scura, ma molto fine, l’acqua è limpida e calma.
A a nord, raggiungibili con una barca che parte da Kini troviamo Grammata, Lia, Varvaroussa, Aetos, molto belle.
La spiaggia di Agathopes è la più cosmopolita dell’isola, e poi ancora i due isolotti di Stroggilo e Schistonisi, la spiaggia di Finikas e le spiagge di Delfini, Sousouni, Varis, Achladi, Azolimnos, Santorinios, Fabrica, Armeos, Lotos, Megas Gialos

Torna alla pagina precedente