torna su
creato da chiaroweb

Koufonissia, nel cuore delle Piccole Cicladi

Torna alla pagina precedente

Koufonissia fa parte delle cosiddette Piccole Cicladi, un arcipelago dentro l’arcipelago tra Naxos e Amorgos composto da una ventina di isole piccole e piccolissime di cui solo quattro abitate da pochissime persone: circa 700 abitanti su Koufonissia che è l’isola principale.


Le Piccole Cicladi sono isole ancora molto selvagge e poco attrezzate turisticamente. Storicamente sono state rifugio per i numerosi pirati che scorrazzavano per il Mediterraneo, oggi sono la meta ideale per chi dalla vacanza si aspetta di stravolgere le proprie abitudini quotidiane, ma meta altrettanto ideale per chi è alla ricerca di scorci ancora incontaminati e di paesaggi mozzafiato. Eh si, perché qui tra piccole cale tra le rocce erose, acqua cristallina e distese sabbiose caraibiche vi troverete immersi in un vero e proprio paradiso naturale!

Le escursioni alla scoperta dell’isola di Koufonissia

Koufonissia è composta da due isolotti separati da uno stretto istmo: Ano Koufonissia è l’unico abitato dei due e vive essenzialmente di pesca e, in estate, del turismo; Kato Koufonissia è essenzialmente terra di pascoli ma può essere interessante meta di una gita in caicco per le belle spiagge che offre e per visitare la chiesetta che sorge sull’isola. Qui la luce del sole fa brillare ogni cosa di luce intensissima, le acque sono cristalline come non mai, ogni cosa appare più intensa.

Le magnifiche spiagge di Koufonissia

Certamente i punti di maggiore interesse a Koufonissia sono le spiagge caratterizzate dalla presenza di dune di sabbia e insenature rocciose lungo tutto il litorale. Le piccole dimensioni dell’isola consentono di spostarsi a piedi (è possibile farne il giro completo in un solo giorno), quindi camminare lungo la costa è anche il modo miglore per raggiungere la maggior parte delle spiagge. E’ comunque sempre possibile utilizzare l’autobus per gli spostamenti. Le spiagge sulla costa orientale sono Finikas, Harakopou e Fano. Oltre Fano compaiono le rocce che danno vita alle famose “piscine”, minuscole vasche d’acqua salata circondate dalla roccia dov’è possibile bagnarsi.

La strada porta a Póri, una splendida baia di sabbia dorata le cui dune sono ornate da fiori e arbusti. Grazie al vento questo luogo è anche conosciuto come il paradiso del surf.

All’estremità della baia si trova Xilobatis, il punto più spettacolare di tutta Kofounissia. Da qui in poi il litorale diventa più roccioso e il territorio diventa regno dei sub che possono trovare scenari sottomarini incantati e indimenticabili.

Torna alla pagina precedente